Vai al contenuto

No ai campi di addestramento: Luana Zanella contro la proposta di Fdl, piuttosto si dia risposta alle 7000 domande per il servizio civile, bloccate per assenza finanziamenti

Roma, 22 gen.- “Noi di Alleanza Verdi e Sinistra riteniamo totalmente sbagliata, fuorviante e manipolativa la proposta di legge presentata alla Regione Veneto dal gruppo di Fratelli d’Italia (n. 137/22) per l’”Istituzione della giornata regionale dei giovani al servizio della patria e sostegno alle attività di formazione organizzate dalle associazioni combattentistiche e d’arma rivolte alle nuove generazioni”. Già nel titolo della proposta è contenuto l’indirizzo che si intende dare alle attività proposte per i giovani (tutti maschi?): campi di lavoro, ordine e disciplina, una impronta dichiaratamente cameratesca. Per di più le attività sarebbero affidate alle Associazioni combattentistiche, prive di qualsiasi professionalità per affrontare lo scopo, pure condivisibile, di contrastare il disagio giovanile, anzi sono del tutto inadeguate per i loro valori militareschi e certo lontani da una cultura della non violenza che deve essere alla base di qualsiasi formazione giovanile. Ricordo invece le oltre 7000 domande per la partecipazione al servizio civile già attivo: sono tutte senza risposta perché non ci sono finanziamenti adeguati”. Lo sostiene Luana Zanella, capogruppo di Alleanza Verdi e Sinistra alla Camera, la quale aggiunge: “la proposta di FdI conferma che il partito di Meloni non ha fatto nessun passo in avanti per affrancarsi dalla cultura fascista dei suoi progenitori missini. Inoltre è pericolosamente estraneo, a giudicare da quella proposta, ai valori della pace e della non violenza riconosciuti dalla nostra Costituzione e dalle elaborazioni più avanzate in sede internazionale“._________________