Vai al contenuto

Cristina Guarda: “La maggioranza invoca l’abbattimento di tortore, colombi e corvi, ma usa dati sbagliati!”

“La mozione approvata ieri dalla maggioranza in Consiglio regionale e che apre la via all’abbattimento dei volatili per finalità di contenimento del virus west nile si basa su dati totalmente travisati.  – Così la Consigliera regionale sulla mozione a prima firma Pan e approvata ieri in consiglio regionale, che prosegue: “Se quanto accaduto ieri è un fatto ai limiti del grottesco: nel dibattito consiliare siano stati fatti passare dati inventati per giustificare l’abbattimento di tortore, colombi e corvi. Infatti, mentre il documento proposto dall’ex assessore alla caccia indica in queste specie di volatili quelle preferite dalla zanzara comune portatrice di West Nile, lo studio che cita, condotto dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, indica nel merlo e nella gazza le specie preferite dalle zanzare, e MAI NE CONSIGLIA L’ABBATTIMENTO. Ecco perché, assieme ai colleghi Andrea Zanoni (Partito Democratico) e Arturo Lorenzoni (Gruppo Misto) ho presentato un atto ispettivo: sarebbe indegno condannare a morte animali, tantopiù se fatto senza motivo e per quello che spero sia solo un errore, pur grave e grossolano! Le indica quali uccelli target, servono solo ai fini della sorveglianza del virus. Insomma – conclude la Consigliera – è evidente che questa maggioranza ha enormi problemi con la scienza e che è maestra nel far passare pan per focaccia: di tutto pur di trovare nuove scuse per consentire la caccia.”