Valle d’Alpone patrimonio Unesco, Guarda (EV): “Richiesti fondi in bilancio per iniziative a sostegno della candidatura

“Una candidatura che è motivo d’orgoglio per il Veneto, abbiamo il dovere di sostenerla.”

La candidatura della Valle d’Alpone a Patrimonio mondiale Unesco sta mobilitando istituzioni, cittadini, mondo della cultura e il tessuto economico locale che sostengono energicamente questa importante iniziativa. Ma un contributo importante potrebbe giungere anche dal Consiglio regionale del Veneto, impegnato in questi giorni in una maratona per l’approvazione del Bilancio, a parlarne è la Consigliera regionale di Europa Verde, Cristina Guarda: “Credo fortemente in questa candidatura e ritengo che questo sentiment sia condiviso da molti miei colleghi, per questo ho presentato un emendamento alla legge di Bilancio per garantire i fondi necessari a mettere in campo iniziative a sostegno della candidatura della Valle d’Alpone a patrimonio dell’Unesco. Una candidatura che valorizza un territorio unico per il suo patrimonio archeologico, culturale, paesaggistico ed enoculturale, ma che al contempo può fungere da volano per l’intera regione. Supportare la Valle d’Alpone in questa sfida significa puntare sui benefici culturali ed economici che questa può comportare, ma soprattutto si tratterebbe di un riconoscimento per il grande lavoro che i promotori della candidatura stanno portando avanti.”