Giochi olimpici: dopo il NO alla pista da bob come intende proseguire la Regione?”

DOPO LO STOP ALLA PISTA DA BOB DA PARTE DEL COMITATO OLIMPICO INTERNAZIONALE, interviene la Consigliera regionale di Europa Verde Cristina Guarda: “Europa Verde fin da subito ha espresso la sua contrarietà al progetto della pista da bob e annesso parco di divertimento previsto per i

Giochi Olimpici Milano-Cortina 2026 tanto voluto dal Presidente Zaia. L’opera, come è stato evidenziato da più parti, avrebbe un considerevole impatto ambientale e paesaggistico e tutto questo per un utilizzo davvero limitato. Ora che da parte del C.I.O. è giunta una netta presa di posizione a riguardo, dichiarando che l’eventuale spesa di realizzazione (80 milioni circa!) sarebbe completamente a carico della Regione Veneto, c’è da chiedersi se si intenda effettivamente proseguire su questa strada”.

Continua Guarda: “In molti hanno suggerito di ricorrere semplicemente alla pista austriaca di Igls vicino a Innsbruck, evitando in questo modo una spesa che rischia di pesare gravosamente sulle tasche dei contribuenti. Ricordiamo che i Giochi Olimpico possono essere una vetrina internazionale anche in tema di sostenibilità e di efficienza dei progetti!”

Conclude la Consigliera regionale: “Per questi motivi ho presentato una interrogazione in Consiglio regionale per chiedere alla Giunta quali determinazioni intenda assumere alla luce delle recenti dichiarazioni da parte del Comitato Olimpico Internazionale.”