Vai al contenuto

Guarda (EV): “Sui trasporti pubblici siamo al cortocircuito istituzionale!”

“Cose mai viste prima: il Consigliere Zaia chiede al Consiglio di sollecitare la Giunta sui trasporti!”

La consigliera regionale Cristina Guarda (Europa Verde) interviene sulla questione del trasporto pubblico: ”Oggi in  commissione si è affrontato un progetto di Legge con cui Zaia chiede alla Giunta regionale, attraverso il telefono senza fili del Consiglio regionale,  di proporre un disegno di legge regionale.

Ecco come viene gestito il Trasporto Pubblico Locale: invece di proporre la strategia prevista dal piano previsto dal Piano Trasporti, votato proprio lo scorso anno, si perde ulteriormente tempo nell’approvare una legge priva di senso. Siamo alla fake law! La Giunta infatti, può tranquillamente presentare il disegno di legge, senza bisogno di altro. E se servisse specificarne delle caratteristiche, il Consiglio potrebbe votare una semplice risoluzione. Basterebbe che il Presidente si accordasse con la sua Vice, titolare della delega sul trasporto pubblico.

Insomma, nella forma un progetto di legge, nella sostanza una “cosa” che manifesta solo degli indirizzi.  Strano, perché il regolamento del Consiglio regionale consente già al Consiglio, e dunque al Consigliere Zaia, di votare una mozione per fornire alla Giunta regionale gli indirizzi.  Però il Presidente di Giunta chiede a sé stesso di fare ciò che avrebbe già dovuto già fare.”

Conclude la consigliera Guarda: “Stando a questa logica dell’assurdo, vorrà dire che presenteremo degli emendamenti per chiedere a alla Giunta di toccare il cielo con un dito facendosi trasportare da un bus alato”.