La caccia col falco è stata bocciata dalla Corte Costituzionale

Pubblicato da Riccardo Bottazzo il

“Con due sentenze della Corte Costituzionale, le leggi regionali del Veneto sull’allenamento dei falchi nel corso di tutto l’anno e sul permesso di costruire in aree protette previo pagamento di quota pecuniaria vengono dichiarate incostituzionali. È l’ennesima bocciatura di provvedimenti con cui la Lega mira ad aggirare e forzare le leggi dello Stato per assecondare cacciatori, costruttori e speculatori della Regione Veneto”. Cosi’, in una nota, Luana Zanella, membro dell’esecutivo nazionale dei Verdi-Europa Verde. “Le sentenze della Corte stabiliscono che, abbassando il livello di tutela dell’ambiente, la legge veneta supera i confini della propria competenza, sfociando in un settore di pertinenza dello Stato- prosegue Zanella- Ci auguriamo pertanto che quest’ultimo si applichi per garantire a tutti noi un mondo in cui l’ambiente possa godere del dovuto rispetto, non fosse altro che per evitare crisi drammatiche come quella che stiamo vivendo in queste settimane”. (Com/Ran/Dire) 18:37 14-04-20 NNNN

Categorie: diritti

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *