Chiuse per decreto tutte le “produzioni non essenziali”. Ma le armi sono una produzione essenziale?

Pubblicato da segreteria@veneziaverde.it il

di Mao Valpiana – Oggi entra in vigore il Decreto varato per contrastare la diffusione della pandemia e che ordina la sospensione di tutte le produzioni “ritenute non essenziali”.

Enytrando nello specifico, all’art. 1, lettera h), si legge: “sono consentite le attività dell’industria della difesa”, nonchè altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale. Nell’Allegato 1 si elencano tutte le attività che restano aperte e operative, utilizzando il Codice ATECO, che con il numero 84 individua “Amministrazione pubblica e difesa”.

Adesso, nessuno Stato al mondo rinuncerebbe, nemmeno in una crisi emergenziale peggiore di questa, alla difesa nazionale. Si capisce. Ma qui si sta parlando di “industria della difesa”. Cosa significa? Che le fabbriche di armi, anche in questa fase, sono ritenute “essenziali”? Che l’industria militare è considerata “strategica per l’economia nazionale”? Allora non ci capiamo più.

La difesa del Paese, è un conto. La produzione bellica, un altro.
Fucili, pistole, munizioni, carriarmati, elicotteri, blindati, non sono affatto essenziali in questo momento, e certamente non servono a contrastare la diffusione del Covid-19. Mi pare evidente.

Bisogna che Governo, Confindustria e Sindacati chiariscano immediatamente questo punto specifico. Bisogna porre la questione della “difesa” (la vera difesa della comunità nazionale) al centro del dibattito politico, adesso e nel prossimo futuro. La nostra Campagna per la “Difesa civile, non armata e nonviolenta” appare ora in tutta la sua lungimiranza e centralità.

Siamo più determinati che mai.

Tratto da Azione Non Violenta


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *