Il Mose nasce vecchio e inutile

Pubblicato da Stefano Treviso il

Venezia, oggi, insieme ai suoi abitanti, sta soffrendo enormemente. Soffre perché stenta a rimanere in piedi, sfruttata e abbandonata, fragile eppure esposta come non mai a gravi rischi ambientali. Con Istituzioni incuranti, la cui unica risposta – il Mose – è diventata ormai troppo obsoleta, simbolo di una lungimiranza che non è mai esistita.

Il Mose, la cui inutilità è ormai acclarata, lascia Venezia nel ritardo, un ritardo che non ha consentito di mettere in campo risorse più efficaci per il mitigamento e l’adeguamento ai cambiamenti climatici, non più solo locali ma di portata globale. Un’opera che non ha salvato la laguna e, anzi, l’ha privata della possibilità di difendersi, meglio e a costi inferiori, con quelle proposte alternative, graduali e reversibili di cui pure il Comune era in possesso fin dal 2006.

Oggi il Mose è in via di completamento. Nato vecchio e inutile, addirittura con una via negativa, dovrà essere adeguato al nuovo quadro climatico e ambientale. Non senza un certo risentimento, auspichiamo soluzioni atte ad alleviare la sofferenza dei veneziani in lutto per le vittime dell’incompetenza della politica. Gli attori istituzionali sono cambiati, eppure il modus operandi sembra essere lo stesso: stringere mani e scattare foto. Di questo, Venezia non ha più bisogno.

Luana Zanella e Angelo Bonelli 


1 commento

paolo righetti · Novembre 16, 2019 alle 9:44 am

I lavori del mose dallo studio “RECENTI VARIAZIONI DELLA PROPAGAZIONE DELLA MAREA IN LAGUNA DI VENEZIA: EFFETTI INDOTTI DALLE OPERE FISSE ALLE BOCCHE DI PORTO” risulterebbero responsabili del peggioramento della situazione in particolare per l’aumento della velocità dei flussi di marea dovuta al restringimento fisico delle bocche di porto operate da tali lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *