Il rapporto Ipbes 2019 lancia l’allarme: Il tasso di estinzione delle specie sta accelerando con un ritmo senza precedenti nella storia dell’umanità

Pubblicato da Riccardo Bottazzo il

Spesso descritto come “IPCC per la biodiversità”, l’IPBES è un organismo intergovernativo indipendente che comprende più di 130 governi membri. Istituito dai governi nel 2012, l’IPBES fornisce ai responsabili politici valutazioni scientifiche obiettive sullo stato delle conoscenze relative alla biodiversità del pianeta, agli ecosistemi e al contributo che apportano alle persone, nonché agli strumenti e ai metodi per proteggere e utilizzare in modo sostenibile questi beni naturali vitali.

Declino pericoloso della natura ‘senza precedenti’. Tassi di Estinzione delle specie “in accelerazione”. L’attuale risposta globale è insufficiente; “Modifiche trasformative” necessarie per ripristinare e proteggere la natura; L’opposizione degli interessi acquisiti può essere superata per il bene pubblico. La valutazione più completa nel suo genere; 1.000.000.000 di specie a rischio di estinzione

La natura sta diminuendo a ritmi senza precedenti nella storia dell’umanità – e il tasso di estinzione delle specie sta accelerando, con gravi impatti sulle persone in tutto il mondo, avverte un nuovo e storico rapporto della Piattaforma Intergovernativa Scienza-Politica sulla Biodiversità e i Servizi Ecosistemici (IPBES), la cui sintesi è stata approvata nella settima sessione della Plenaria dell’IPBES, riunita la scorsa settimana (29 aprile – 4 maggio) a Parigi.

“Le prove schiaccianti della valutazione globale dell’IPBES, provenienti da un’ampia gamma di diversi campi della conoscenza, presentano un quadro inquietante”, ha dichiarato il presidente dell’IPBES, Sir Robert Watson. “La salute degli ecosistemi da cui noi e tutte le altre specie dipendiamo si sta deteriorando più rapidamente che mai. Stiamo erodendo le fondamenta stesse delle nostre economie, dei mezzi di sussistenza, della sicurezza alimentare, della salute e della qualità della vita in tutto il mondo”.

“Il Rapporto ci dice anche che non è troppo tardi per fare la differenza, ma solo se iniziamo ora ad ogni livello, da locale a globale”, ha detto. Attraverso il “cambiamento trasformativo”, la natura può ancora essere conservata, restaurata e utilizzata in modo sostenibile – questo è anche la chiave per raggiungere la maggior parte degli altri obiettivi globali. Per cambiamento trasformativo intendiamo una fondamentale riorganizzazione del sistema attraverso fattori tecnologici, economici e sociali, inclusi i paradigmi, gli obiettivi e i valori”.

“Gli Stati membri dell’IPBES Plenaria hanno ora riconosciuto che, per sua stessa natura, il cambiamento trasformativo può aspettarsi un’opposizione da parte di coloro che hanno interessi acquisiti nello status quo, ma anche che tale opposizione può essere superata per il bene pubblico più ampio”, ha detto Watson.

Il rapporto di valutazione globale IPBES sulla biodiversità e i servizi ecosistemici è il più completo mai completato. Si tratta del primo Rapporto intergovernativo di questo tipo e si basa sulla storica Valutazione degli Ecosistemi del Millennio del 2005, che introduce metodi innovativi di valutazione delle prove.

Elaborato da 145 autori esperti provenienti da 50 paesi negli ultimi tre anni, con contributi di altri 310 autori, il Rapporto valuta i cambiamenti degli ultimi cinque decenni, fornendo un quadro completo del rapporto tra i percorsi di sviluppo economico e il loro impatto sulla natura. Offre inoltre una serie di possibili scenari per i prossimi decenni.

Sulla base della revisione sistematica di circa 15.000 fonti scientifiche e governative, il Rapporto si basa anche (per la prima volta in assoluto a questa scala) sulle conoscenze indigene e locali, affrontando in particolare le questioni relative alle popolazioni indigene e alle comunità locali.

La biodiversità e il contributo della natura alle persone sono il nostro patrimonio comune e la più importante “rete di sicurezza” per il sostentamento della vita dell’umanità. Ma la nostra rete di sicurezza si estende quasi fino al punto di rottura”, ha detto il Prof. Sandra Díaz (Argentina), che ha co-presieduto la Valutazione con il Prof. Josef Settele (Germania) e il Prof. Eduardo S. Brondízio (Brasile e Stati Uniti). “La diversità all’interno delle specie, tra le specie e degli ecosistemi, così come molti contributi fondamentali che derivano dalla natura, sono in rapido declino, anche se abbiamo ancora i mezzi per garantire un futuro sostenibile per le persone e per il pianeta”.

Il Rapporto rileva che circa 1 milione di specie animali e vegetali sono oggi più che mai minacciate di estinzione, molte delle quali nel giro di decenni, più che mai nella storia dell’umanità.

L’abbondanza media di specie autoctone nella maggior parte dei principali habitat terrestri è diminuita di almeno il 20%, soprattutto a partire dal 1900. Più del 40% delle specie di anfibi, quasi il 33% dei coralli riformatori e più di un terzo di tutti i mammiferi marini sono minacciati. Il quadro è meno chiaro per le specie di insetti, ma le prove disponibili supportano una stima provvisoria del 10% di specie minacciate. Almeno 680 specie di vertebrati sono state portate all’estinzione dal XVI secolo e più del 9% di tutte le razze di mammiferi domestici utilizzati per l’alimentazione e l’agricoltura si è estinto entro il 2016, con almeno 1.000 razze ancora in pericolo di estinzione.

“Gli ecosistemi, le specie, le popolazioni selvatiche, le varietà locali e le razze di piante e animali domestici si stanno riducendo, deteriorandosi o scomparendo. La rete essenziale e interconnessa della vita sulla Terra sta diventando sempre più piccola e sempre più sfilacciata”, ha detto il Prof. Settele. “Questa perdita è il risultato diretto dell’attività umana e costituisce una minaccia diretta al benessere umano in tutte le regioni del mondo”.

Per aumentare la rilevanza politica del Rapporto, gli autori della valutazione hanno classificato, per la prima volta a questa scala e sulla base di un’analisi approfondita delle prove disponibili, i cinque motori diretti del cambiamento in natura con i maggiori impatti globali relativi. Questi colpevoli sono, in ordine decrescente: (1) cambiamenti nell’uso del suolo e del mare; (2) sfruttamento diretto degli organismi; (3) cambiamento climatico; (4) inquinamento e (5) specie esotiche invasive.

Il Rapporto osserva che, dal 1980, le emissioni di gas serra sono raddoppiate, aumentando le temperature medie globali di almeno 0,7 gradi Celsius – con il cambiamento climatico che già impatta la natura dal livello degli ecosistemi a quello della genetica – impatti che dovrebbero aumentare nei prossimi decenni, superando in alcuni casi l’impatto del cambiamento dell’uso della terra e del mare e di altre cause.

Nonostante i progressi nella conservazione della natura e nell’attuazione delle politiche, il Rapporto rileva anche che gli obiettivi globali per la conservazione e l’uso sostenibile della natura e il raggiungimento della sostenibilità non possono essere raggiunti dalle attuali traiettorie, e gli obiettivi per il 2030 e oltre possono essere raggiunti solo attraverso cambiamenti trasformativi tra fattori economici, sociali, politici e tecnologici. Con buoni progressi per quanto riguarda le componenti di soli quattro dei 20 obiettivi di Aichi Biodiversità, è probabile che la maggior parte di essi non sarà raggiunta entro la scadenza del 2020. Le attuali tendenze negative della biodiversità e degli ecosistemi pregiudicheranno i progressi verso l’80% (35 su 44) degli obiettivi valutati degli obiettivi di sviluppo sostenibile, relativi a povertà, fame, salute, acqua, città, clima, oceani e terra (SDGs 1, 2, 3, 6, 11, 13, 14 e 15). La perdita di biodiversità si rivela quindi non solo una questione ambientale, ma anche una questione di sviluppo, economica, di sicurezza, sociale e morale.

“Per comprendere meglio e, cosa ancora più importante, per affrontare le principali cause dei danni alla biodiversità e il contributo della natura alle persone, dobbiamo comprendere la storia e l’interconnessione globale dei complessi fattori demografici ed economici indiretti di cambiamento, così come i valori sociali che li sostengono”, ha detto il Prof. Brondízio. “Tra i principali motori indiretti ci sono l’aumento della popolazione e dei consumi pro capite; l’innovazione tecnologica, che in alcuni casi ha ridotto e in altri casi ha aumentato i danni alla natura; e, in modo critico, le questioni di governance e responsabilità. Un modello che emerge è quello dell’interconnettività globale e del ‘telecoupling’ – con l’estrazione e la produzione di risorse che spesso avviene in una parte del mondo per soddisfare i bisogni di consumatori lontani in altre regioni”.

Altri risultati degni di nota del Rapporto sono:

  • Tre quarti dell’ambiente terrestre e circa il 66% dell’ambiente marino sono stati significativamente alterati dalle azioni umane. In media, queste tendenze sono state meno gravi o evitate in aree detenute o gestite da popolazioni indigene e comunità locali.
  • Più di un terzo della superficie terrestre mondiale e quasi il 75% delle risorse di acqua dolce sono ora destinate alla produzione agricola o zootecnica.
  • Il valore della produzione agricola è aumentato di circa il 300% dal 1970, la raccolta di legname grezzo è aumentata del 45% e circa 60 miliardi di tonnellate di risorse rinnovabili e non rinnovabili sono ora estratte ogni anno a livello mondiale – quasi raddoppiate dal 1980.
  • Il degrado della terra ha ridotto la produttività del 23% della superficie terrestre globale, fino a 577 miliardi di dollari in colture annuali globali sono a rischio di perdita di impollinatori e 100-300 milioni di persone sono a maggior rischio di inondazioni e uragani a causa della perdita di habitat costieri e di protezione.
  • Nel 2015, il 33% degli stock ittici marini è stato pescato a livelli insostenibili; il 60% è stato pescato in modo sostenibile, con appena il 7% di catture a livelli inferiori a quelli che possono essere pescati in modo sostenibile.
  • Le aree urbane sono più che raddoppiate dal 1992.
  • L’inquinamento da plastica è decuplicato dal 1980, 300-400 milioni di tonnellate di metalli pesanti, solventi, fanghi tossici e altri rifiuti provenienti da impianti industriali vengono scaricati ogni anno nelle acque del mondo, e i fertilizzanti che entrano negli ecosistemi costieri hanno prodotto più di 400 “zone morte” oceaniche, per un totale di oltre 245.000 km2 (591-595) – un’area complessiva superiore a quella del Regno Unito.
  • Le tendenze negative in natura continueranno fino al 2050 e oltre in tutti gli scenari politici esaminati nel Rapporto, ad eccezione di quelli che includono il cambiamento trasformativo – a causa degli impatti previsti del crescente cambiamento di destinazione d’uso del territorio, dello sfruttamento degli organismi e del cambiamento climatico, anche se con differenze significative tra le regioni.

La relazione presenta inoltre un’ampia gamma di azioni illustrative per la sostenibilità e percorsi per raggiungerle attraverso e tra settori quali l’agricoltura, la silvicoltura, i sistemi marini, i sistemi di acqua dolce, le aree urbane, l’energia, la finanza e molti altri. Essa sottolinea l’importanza, tra l’altro, di adottare una gestione integrata e approcci intersettoriali che tengano conto dei compromessi tra produzione alimentare ed energetica, infrastrutture, gestione delle acque dolci e costiere e conservazione della biodiversità.

Un altro elemento chiave per politiche future più sostenibili è l’evoluzione dei sistemi finanziari ed economici globali per costruire un’economia globale sostenibile, allontanandosi dall’attuale paradigma limitato della crescita economica.

“L’IPBES presenta l’autorevole scienza, la conoscenza e le opzioni politiche ai decisori politici per la loro considerazione”, ha detto il Segretario Esecutivo dell’IPBES, la Dott.ssa Anne Larigauderie. “Ringraziamo le centinaia di esperti, provenienti da tutto il mondo, che hanno offerto il loro tempo e le loro conoscenze per aiutare ad affrontare la perdita di specie, ecosistemi e diversità genetica – una vera minaccia globale e generazionale per il benessere umano”

Ulteriori informazioni sui punti chiave della relazione

Dimensioni della perdita di natura

I guadagni derivanti dalle risposte sociali e politiche, per quanto importanti, non hanno fermato le perdite massicce.

Dal 1970, le tendenze della produzione agricola, del pescato, della produzione di bioenergia e della raccolta di materiali sono aumentate, in risposta alla crescita demografica, all’aumento della domanda e allo sviluppo tecnologico, ad un prezzo elevato, che è stato distribuito in modo ineguale all’interno e tra i paesi. Tuttavia, molti altri indicatori chiave del contributo della natura all’uomo, come il carbonio organico del suolo e la diversità degli impollinatori, sono diminuiti, indicando che i guadagni in termini di contributi materiali spesso non sono sostenibili.

Il ritmo dell’espansione agricola in ecosistemi intatti varia da paese a paese. La perdita di ecosistemi intatti si è verificata principalmente ai tropici, che ospitano i più alti livelli di biodiversità del pianeta. Ad esempio, 100 milioni di ettari di foresta tropicale sono andati persi tra il 1980 e il 2000, principalmente a causa dell’allevamento di bovini in America Latina (circa 42 milioni di ettari) e delle piantagioni nel Sud-Est asiatico (circa 7,5 milioni di ettari, di cui l’80% per l’olio di palma, utilizzato principalmente in alimenti, cosmetici, prodotti per la pulizia e carburante).

Dal 1970 la popolazione umana globale è più che raddoppiata (da 3,7 a 7,6 miliardi), con un aumento disomogeneo tra paesi e regioni; il prodotto interno lordo pro capite è quattro volte superiore – con consumatori sempre più lontani che spostano l’onere ambientale del consumo e della produzione tra regioni.

L’abbondanza media di specie autoctone nella maggior parte dei principali habitat terrestri è diminuita di almeno il 20%, soprattutto a partire dal 1900.

Il numero di specie esotiche invasive per paese è aumentato di circa il 70% dal 1970, nei 21 paesi con dati dettagliati.

La distribuzione di quasi la metà (47%) dei mammiferi terrestri non volanti, ad esempio, e di quasi un quarto degli uccelli minacciati, potrebbe essere già stata influenzata negativamente dai cambiamenti climatici.

Popolazioni indigene, comunità locali e natura

Almeno un quarto della superficie terrestre globale è tradizionalmente posseduta, gestita, utilizzata o occupata dalle popolazioni indigene. Queste aree comprendono circa il 35% dell’area formalmente protetta e circa il 35% di tutte le restanti aree terrestri a bassissimo intervento umano.

La natura gestita dalle popolazioni indigene e dalle comunità locali è sempre più sotto pressione, ma in generale sta diminuendo meno rapidamente che in altre terre – anche se il 72% degli indicatori locali sviluppati e utilizzati dalle popolazioni indigene e dalle comunità locali mostrano il deterioramento della natura che sostiene i mezzi di sussistenza locali.

Le aree del mondo che, secondo le proiezioni, subiranno significativi effetti negativi dovuti ai cambiamenti climatici globali, alla biodiversità, alle funzioni dell’ecosistema e al contributo della natura alle persone sono anche aree in cui risiedono grandi concentrazioni di popolazioni indigene e molte delle comunità più povere del mondo.

Gli scenari regionali e globali attualmente mancano e trarrebbero beneficio da una considerazione esplicita dei punti di vista, delle prospettive e dei diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali, della loro conoscenza e comprensione di grandi regioni ed ecosistemi e dei percorsi di sviluppo futuro desiderati. Il riconoscimento delle conoscenze, delle innovazioni e delle pratiche, delle istituzioni e dei valori delle popolazioni indigene e delle comunità locali e la loro inclusione e partecipazione alla governance ambientale spesso migliora la loro qualità di vita, così come la conservazione della natura, il ripristino e l’uso sostenibile. I loro contributi positivi alla sostenibilità possono essere facilitati attraverso il riconoscimento nazionale dei diritti di proprietà fondiaria, di accesso e delle risorse in conformità con la legislazione nazionale, l’applicazione di un consenso libero, preventivo e informato, una migliore collaborazione, una giusta ed equa ripartizione dei benefici derivanti dall’uso e accordi di cogestione con le comunità locali.

Obiettivi globali e scenari politici

Il rapido declino passato e continuo della biodiversità, delle funzioni dell’ecosistema e di molti dei contributi della natura alle persone significa che la maggior parte degli obiettivi sociali e ambientali internazionali, come quelli contenuti negli obiettivi di Aichi Biodiversità e nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile non saranno raggiunti sulla base delle traiettorie attuali.

Gli autori del Rapporto hanno esaminato sei scenari politici – “panieri” molto diversi di opzioni e approcci politici a grappolo, tra cui “Concorrenza regionale”, “Business as Usual” e “Sostenibilità globale” – proiettando i probabili impatti sulla biodiversità e i contributi della natura alle persone di questi percorsi entro il 2050. Essi hanno concluso che, ad eccezione degli scenari che includono il cambiamento trasformativo, le tendenze negative in natura, le funzioni dell’ecosistema e molti dei contributi della natura all’uomo continueranno fino al 2050 e oltre, a causa degli impatti previsti del crescente uso del suolo e del mare, dello sfruttamento degli organismi e del cambiamento climatico.

Strumenti politici, opzioni e pratiche esemplari

Le azioni politiche e le iniziative sociali contribuiscono a sensibilizzare all’impatto del consumo sulla natura, a proteggere gli ambienti locali, a promuovere economie locali sostenibili e a ripristinare le zone degradate. Insieme alle iniziative a vari livelli, queste hanno contribuito ad ampliare e rafforzare l’attuale rete di reti di aree protette ecologicamente rappresentative e ben collegate e altre efficaci misure di conservazione territoriale, la protezione dei bacini idrografici e gli incentivi e le sanzioni per ridurre l’inquinamento.

Il Rapporto presenta un elenco illustrativo di possibili azioni e percorsi per raggiungerle attraverso luoghi, sistemi e scale, che saranno i più idonei a sostenere la sostenibilità. Adottare un approccio integrato:

In agricoltura, il rapporto sottolinea, tra l’altro, la promozione di buone pratiche agricole e agroecologiche, la pianificazione multifunzionale del paesaggio (che fornisce contemporaneamente sicurezza alimentare, opportunità di sostentamento, mantenimento delle specie e delle funzioni ecologiche) e la gestione integrata intersettoriale. Sottolinea inoltre l’importanza di un maggiore coinvolgimento di tutti gli attori del sistema alimentare (compresi i produttori, il settore pubblico, la società civile e i consumatori) e di una gestione più integrata del paesaggio e dei bacini idrografici; la conservazione della diversità di geni, varietà, cultivar, cultivar, razze, ecotipi e specie; così come approcci che rafforzano i consumatori e i produttori attraverso la trasparenza del mercato, una migliore distribuzione e localizzazione (che rivitalizza le economie locali), la riforma delle catene di approvvigionamento e la riduzione degli sprechi alimentari.

Nei sistemi marini, il Rapporto evidenzia, tra l’altro: approcci ecosistemici alla gestione della pesca; pianificazione territoriale; quote efficaci; aree marine protette; protezione e gestione delle principali aree di biodiversità marina; riduzione dell’inquinamento degli oceani e stretta collaborazione con produttori e consumatori.

Nei sistemi di acqua dolce, le opzioni politiche e le azioni includono, tra l’altro: una governance idrica più inclusiva per una gestione collaborativa dell’acqua e una maggiore equità; una migliore integrazione della gestione delle risorse idriche e della pianificazione del paesaggio su più livelli; la promozione di pratiche per ridurre l’erosione del suolo, la sedimentazione e il deflusso dell’inquinamento; l’aumento dello stoccaggio dell’acqua; la promozione di investimenti in progetti idrici con chiari criteri di sostenibilità; oltre ad affrontare la frammentazione di molte politiche in materia di acqua dolce.

Nelle aree urbane, il Rapporto mette in evidenza, tra l’altro: promozione di soluzioni basate sulla natura; aumento dell’accesso ai servizi urbani e a un ambiente urbano sano per le comunità a basso reddito; miglioramento dell’accesso agli spazi verdi; produzione e consumo sostenibili e connettività ecologica negli spazi urbani, in particolare con le specie autoctone.

In tutti gli esempi, il Rapporto riconosce l’importanza di includere diversi sistemi di valori e diversi interessi e visioni del mondo nella formulazione delle politiche e delle azioni. Ciò include la piena ed effettiva partecipazione delle popolazioni indigene e delle comunità locali alla governance, la riforma e lo sviluppo di strutture di incentivazione e la garanzia che le considerazioni sulla biodiversità siano prioritarie in tutti i principali piani settoriali.

“Abbiamo già visto i primi segnali di azioni e iniziative di cambiamento trasformativo, come le politiche innovative di molti paesi, autorità locali e imprese, ma soprattutto dei giovani di tutto il mondo”, ha affermato Sir Robert Watson. “Dai giovani global shapers che stanno dietro al movimento #VoiceforthePlanet, agli scioperi scolastici per il clima, c’è motivo di capire che è necessaria un’azione urgente se vogliamo garantire un futuro sostenibile. Il rapporto di valutazione globale dell’IPBES offre le migliori prove esperte disponibili per contribuire a informare queste decisioni, politiche e azioni – e fornisce la base scientifica per il quadro della biodiversità e i nuovi obiettivi decennali per la biodiversità, che saranno decisi alla fine del 2020 in Cina, sotto gli auspici della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica”.

Per i numeri – Statistiche chiave e fatti tratti dal rapporto

Generale

– 75%: ambiente terrestre “gravemente alterato” dalle azioni umane (ambienti marini 66%)

– 47%: riduzione degli indicatori globali dell’estensione e delle condizioni degli ecosistemi rispetto ai loro valori di riferimento naturali stimati, molti dei quali continuano a diminuire di almeno il 4% per decennio.

– 28%: superficie terrestre globale detenuta e/o gestita da popolazioni indigene, di cui oltre il 40% delle aree formalmente protette e il 37% di tutte le restanti aree terrestri a bassissimo intervento umano.

– +/-60 miliardi: tonnellate di risorse rinnovabili e non rinnovabili estratte ogni anno a livello mondiale, in crescita di quasi il 100% dal 1980.

– 15%: aumento del consumo globale pro capite di materiali dal 1980

– 85%: delle zone umide presenti nel 1700 erano andate perdute nel 2000 – la perdita di zone umide è attualmente tre volte più rapida, in termini percentuali, della perdita di foreste.

Specie, popolazioni e varietà di piante e animali

8 milioni: numero totale stimato di specie animali e vegetali sulla Terra (di cui 5,5 milioni di specie di insetti)

Decine o centinaia di volte: la misura in cui l’attuale tasso di estinzione globale delle specie è più elevato rispetto alla media degli ultimi 10 milioni di anni, e il tasso sta accelerando.

Fino a 1 milione: specie a rischio di estinzione, molte nel giro di decenni

>500.000 (+/-9%): quota dei 5,9 milioni di specie terrestri stimate nel mondo con un habitat insufficiente per la sopravvivenza a lungo termine senza ripristino dell’habitat.

>40%: specie di anfibi a rischio di estinzione

Quasi il 33%: coralli, squali e parenti di squali e mammiferi marini >33% a rischio di estinzione.

25%: percentuale media di specie minacciate di estinzione su vertebrati terrestri, d’acqua dolce e marini, invertebrati e gruppi di piante che sono stati studiati in modo sufficientemente dettagliato.

Almeno 680: specie di vertebrati spinti all’estinzione dalle azioni umane fin dal XVI secolo.

+/-10%: stima provvisoria della percentuale di specie di insetti a rischio di estinzione.

>20%: diminuzione dell’abbondanza media di specie autoctone nella maggior parte dei principali biomi terrestri, soprattutto a partire dal 1900.

+/-560 (+/-10%): le razze di mammiferi addomesticati si sono estinte entro il 2016, con almeno 1.000 esemplari in più minacciati.

3,5%: razza di uccelli addomesticati estinti entro il 2016

70%: aumento dal 1970 del numero di specie esotiche invasive in 21 paesi con registrazioni dettagliate.

30%: riduzione dell’integrità globale dell’habitat terrestre a causa della perdita e del deterioramento dell’habitat stesso

47%: percentuale di mammiferi terrestri non volanti e 23% di uccelli minacciati, la cui distribuzione potrebbe essere già stata influenzata negativamente dai cambiamenti climatici.

>6: specie di ungulati (mammiferi ungulati) probabilmente si estinguerebbero o sopravviverebbero solo in cattività senza misure di conservazione.

Alimentazione e agricoltura

300%: aumento della produzione agroalimentare dal 1970

23%: superfici che hanno subito una riduzione della produttività a causa del degrado del territorio

>75%: tipi di colture alimentari globali che dipendono dall’impollinazione animale

Da 235 a 577 miliardi di dollari USA: valore annuo della produzione mondiale di colture a rischio a causa della perdita di impollinatori.

5,6 gigatons: emissioni annue di CO2 sequestrate negli ecosistemi marini e terrestri, pari al 60% delle emissioni globali di combustibili fossili.

+/-11%: popolazione mondiale sottoalimentata

100 milioni: ettari di espansione agricola ai tropici dal 1980 al 2000, principalmente bovini allevati in America Latina (+/-42 milioni di ettari), e piantagioni nel sud-est asiatico (+/-7,5 milioni di ettari, di cui l’80% di palma da olio), metà a spese di foreste intatte.

3%: aumento della trasformazione della terra in agricoltura tra il 1992 e il 2015, soprattutto a scapito dei minerali.

>33%: la superficie terrestre mondiale (e +/-75% delle risorse di acqua dolce) destinata alle colture o all’allevamento del bestiame.

12%: la terra senza ghiaccio del mondo utilizzata per la produzione agricola

25%: superficie mondiale libera da ghiaccio utilizzata per il pascolo (+/-70% delle terre secche)

+/-25%: emissioni di gas serra causate dalla bonifica dei terreni, dalla produzione agricola e dalla fertilizzazione, a cui il cibo a base animale contribuisce per il 75%.

+/-30%: produzione vegetale globale e approvvigionamento alimentare globale fornito da piccole aziende agricole (<2 ha), che utilizzano +/-25% dei terreni agricoli, mantenendo di solito una ricca agrobiodiversità.

100 miliardi di dollari: stima del livello di sostegno finanziario nei paesi OCSE (2015) all’agricoltura potenzialmente dannosa per l’ambiente.

Oceani e pesca

33%: gli stock ittici marini nel 2015 vengono catturati a livelli insostenibili; il 60% viene pescato in modo sostenibile al massimo; il 7% è sottoutilizzato.

>55%: zona oceanica coperta da pesca industriale

3-10%: prevista diminuzione della produzione primaria netta oceanica dovuta ai soli cambiamenti climatici entro la fine del secolo.

3-25%: prevista diminuzione della biomassa ittica entro la fine del secolo in scenari di riscaldamento climatico basso e alto, rispettivamente.

>90%: la piccola pesca artigianale (oltre 30 milioni di persone) rappresenta quasi il 50% delle catture mondiali di pesce.

Fino al 33%: quota stimata nel 2011 delle catture mondiali dichiarate illegali, non dichiarate o non regolamentate.

>10%: diminuzione per decennio dell’estensione dei prati di fanerogame marino dal 1970-2000

+/-50%: copertura corallina viva di scogliere perse dal 1870.

100-300 milioni di persone nelle zone costiere a maggior rischio a causa della perdita di protezione degli habitat costieri

400: “zone morte” dell’ecosistema costiero a basso contenuto di ossigeno (ipossia) causate da fertilizzanti, che interessano >245.000 km2.

29%: riduzione media del rischio di estinzione per i mammiferi e gli uccelli in 109 paesi grazie agli investimenti di conservazione dal 1996 al 2008; il rischio di estinzione di uccelli, mammiferi e anfibi sarebbe stato superiore di almeno il 20% in assenza di azioni di conservazione nell’ultimo decennio.

>107: si stima che uccelli, mammiferi e rettili altamente minacciati abbiano tratto beneficio dall’eradicazione dei mammiferi invasivi sulle isole.

Foreste

45%: aumento della produzione di legname grezzo dal 1970 (4 miliardi di metri cubi nel 2017)

+/-13 milioni di euro: posti di lavoro nell’industria forestale

50%: espansione agricola avvenuta a spese delle foreste

50%: diminuzione del tasso netto di perdita forestale dagli anni ’90 (esclusi quelli gestiti per l’estrazione di legname o per l’estrazione agricola)

68%: superficie forestale globale oggi rispetto al livello preindustriale stimato.

7%: riduzione delle foreste intatte (>500 kmq. senza pressione umana) dal 2000-2013 nei paesi sviluppati e in via di sviluppo.

290 milioni di ettari (+/-6%): copertura forestale autoctona persa dal 1990-2015 a causa delle operazioni di disboscamento e di raccolta del legno

110 milioni di ettari: aumento della superficie boschiva piantata dal 1990-2015

10-15%: fornitura globale di legname proveniente da foreste illegali (fino al 50% in alcune zone)

>2 miliardi: persone che si affidano al legno per soddisfare il proprio fabbisogno di energia primaria.

Miniere ed energia

<1%: superficie totale utilizzata per l’estrazione mineraria, ma l’industria ha impatti negativi significativi sulla biodiversità, le emissioni, la qualità dell’acqua e la salute umana.

+/-17.000: grandi siti minerari (in 171 paesi), per lo più gestiti da 616 società internazionali

+/-6.500: impianti offshore di estrazione petrolifera e di gas oceanico ((in 53 paesi)

345 miliardi di dollari: sovvenzioni globali per i combustibili fossili, con costi complessivi pari a 5 trilioni di dollari, comprese le esternalità dovute al degrado della natura; il carbone rappresenta il 52% delle sovvenzioni al netto delle imposte, il petrolio il +/-33% e il gas naturale il +/-10%.

Urbanizzazione, sviluppo e questioni socioeconomiche

>100%: crescita delle aree urbane dal 1992

25 milioni di km: lunghezza delle nuove strade asfaltate previste entro il 2050, con il 90% dei lavori di costruzione nei paesi meno sviluppati e in via di sviluppo.

+/-50.000: numero di grandi dighe (altezza >15m); +/-17 milioni di bacini (>0,01 ha)

105%: aumento della popolazione umana globale (da 3,7 a 7,6 miliardi) dal 1970 in modo disomogeneo tra paesi e regioni.

50 volte superiore: PIL pro capite nei paesi sviluppati rispetto ai paesi meno sviluppati

>2.500: conflitti per i combustibili fossili, l’acqua, l’alimentazione e la terra attualmente in corso in tutto il mondo

>1.000: attivisti ambientali e giornalisti uccisi tra il 2002 e il 2013

La salute

70%: percentuale di farmaci oncologici che sono prodotti naturali o sintetici ispirati dalla natura

+/-4 miliardi: persone che si affidano principalmente alle medicine naturali

17%: malattie infettive diffuse da vettori animali che causano >700.000 decessi annui

+/-821 milioni: la gente si trova di fronte all’insicurezza alimentare in Asia e in Africa

40%: la popolazione mondiale non ha accesso ad acqua potabile pulita e sicura

>80%: le acque reflue globali scaricate nell’ambiente senza alcun trattamento

300-400 milioni di tonnellate: metalli pesanti, solventi, fanghi tossici e altri rifiuti provenienti da impianti industriali scaricati annualmente nelle acque di tutto il mondo.

10 volte: aumento dell’inquinamento delle materie plastiche dal 1980

Cambiamento climatico

1 grado Celsius: differenza media di temperatura globale nel 2017 rispetto ai livelli preindustriali, con un aumento di +/-0,2 (+/-0,1) gradi Celsius per decennio.

>3 mm: aumento medio annuo del livello globale del mare negli ultimi due decenni

16-21 cm: aumento del livello medio globale del mare dal 1900

Aumento del 100% dal 1980 delle emissioni di gas serra, aumentando la temperatura media globale di almeno 0,7 gradi.

40%: aumento dell’impronta di carbonio del turismo (a 4,5Gt di anidride carbonica) dal 2009 al 2013

8%: delle emissioni totali di gas serra sono dovute ai trasporti e al consumo alimentare legato al turismo

5%: stima della frazione di specie a rischio di estinzione per il solo riscaldamento a 2°C, che sale al 16% a 4,3°C di riscaldamento.

Anche per un riscaldamento globale da 1,5 a 2 gradi, si prevede che la maggior parte delle gamme di specie terrestri si ridurrà profondamente.

Obiettivi globali

La maggior parte: Aichi Obiettivi di Biodiversità per il 2020 che probabilmente non saranno raggiunti

22 di 44: gli obiettivi valutati nell’ambito degli obiettivi di sviluppo sostenibile relativi a povertà, fame, salute, acqua, città, clima, oceano e terra sono compromessi da sostanziali tendenze negative della natura e del suo contributo alla popolazione.

72%: degli indicatori locali in natura sviluppati e utilizzati dalle popolazioni indigene e dalle comunità locali che mostrano tendenze negative.

4: numero di obiettivi di Aichi in cui sono stati compiuti buoni progressi su alcune componenti, con progressi moderati su alcune componenti di altri 7 obiettivi, scarsi progressi su tutte le componenti di 6 obiettivi e informazioni insufficienti per valutare i progressi su alcune o tutte le componenti degli altri 3 obiettivi.

Commenti IPBES Partner

– Joyce Msuya, Capo ad interim, ONU Ambiente

“Attraverso le culture, l’uomo apprezza intrinsecamente la natura. La magia di vedere lucciole che tremolano a lungo nella notte è immensa. Noi traiamo energia e nutrienti dalla natura. In natura troviamo fonti di cibo, medicina, mezzi di sussistenza e innovazione. Il nostro benessere dipende fondamentalmente dalla natura. I nostri sforzi per conservare la biodiversità e gli ecosistemi devono essere sostenuti dalla migliore scienza che l’umanità può produrre. Questo è il motivo per cui le prove scientifiche raccolte in questa Valutazione Globale IPBES sono così importanti. Ci aiuterà a costruire una base più solida per dare forma al quadro globale della biodiversità dopo il 2020: il ‘New Deal for Nature and People’ e per raggiungere gli SDGs”.

– Achim Steiner, amministratore del programma di sviluppo delle Nazioni Unite.

“Questo rapporto essenziale ricorda a ciascuno di noi l’ovvia verità: le generazioni presenti hanno la responsabilità di lasciare alle generazioni future un pianeta che non sia irreversibilmente danneggiato dall’attività umana. Le nostre conoscenze locali, indigene e scientifiche dimostrano che abbiamo soluzioni e quindi non ci sono più scuse: dobbiamo vivere sulla terra in modo diverso. L’UNESCO si impegna a promuovere il rispetto della vita e della sua diversità, la solidarietà ecologica con le altre specie viventi, e a stabilire nuovi, equi e globali legami di partenariato e solidarietà intragenerazionale, per la perpetuazione del genere umano”.

– Audrey Azoulay, Direttore Generale, UNESCO

 “Il Global Assessment Report on Biodiversity and Ecosystem Services dell’IPBES 2019 giunge in un momento critico per il pianeta e per tutti i suoi popoli. I risultati del rapporto – e gli anni di lavoro diligente dei numerosi scienziati che vi hanno contribuito – offriranno una visione completa delle attuali condizioni della biodiversità globale. Una biodiversità sana è l’infrastruttura essenziale che sostiene tutte le forme di vita sulla terra, compresa la vita umana. Fornisce anche soluzioni basate sulla natura su molte delle sfide ambientali, economiche e sociali più critiche che la società umana deve affrontare, tra cui il cambiamento climatico, lo sviluppo sostenibile, la salute, la sicurezza idrica e alimentare. Attualmente ci stiamo preparando per la Conferenza ONU sulla biodiversità 2020, in Cina, che segnerà la chiusura degli obiettivi di Aichi Biodiversity e stabilirà la strada per un percorso di sviluppo sostenibile incentrato sull’ecologia dopo il 2020, per offrire molteplici benefici per le persone, il pianeta e la nostra economia globale. Il rapporto IPBES servirà come base di riferimento fondamentale per stabilire dove siamo e dove dobbiamo andare come comunità globale per ispirare l’umanità a raggiungere la visione 2050 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità “Vivere in armonia con la natura”. Voglio estendere i miei ringraziamenti e congratulazioni alla comunità IPBES per il duro lavoro, gli immensi contributi e la collaborazione continuativa”.

_________

Commento WWF Italia – 6 maggio 2019

“Unprecedented”, “Senza precedenti”. Questo l’aggettivo utilizzato oggi dall’IPBES (Intergovernamental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services dell’ONU, l’equivalente per la biodiversità al ruolo dell’IPCC per il cambiamento climatico) per definire l’azione distruttiva dell’uomo sulla natura in occasione del lancio, oggi a Parigi, del Global Assessment Report on Biodiversity and Ecosystem Services.  

Il rapido deterioramento cui è soggetta la biodiversità globale, e di conseguenza i servizi ecosistemici – cioè i contributi materiali e non materiali che la ricchezza della vita sulla terra fornisce al genere umano – ha da oggi una ulteriore conferma. Il rapporto, sottolinea il WWF, è un ennesimo campanello d’allarme per il mondo politico, economico e per le imprese affinché intraprendano azioni decisive, e sottolinea l’urgente necessità di un “New Deal”un nuovo accordo tra la specie umana e la natura entro il 2020.

“Siamo all’ennesima, autorevolissima, sottolineatura scientifica su ciò che il WWF sostiene da anni, e cioè che con l’erosione della biodiversità e dei servizi ecosistemici che la stessa vita sulla Terra ci garantisce, dal ciclo dell’ossigeno e del carbonio a quello dell’acqua, dalla produzione alimentare alle risorse forestali, stiamo mettendo a rischio il nostro stesso futuro. E’ necessario incidere sull’economia perché perseverare con l’attuale meccanismo basato sulla crescita materiale indefinita è come continuare a segare il ramo sul quale siamo seduti. Abbiamo bisogno di attuare un’economia della post-crescita, che ci consenta di vivere nei limiti biofisici della nostra Terra”, ha detto Gianfranco Bologna, Direttore Scientifico WWF Italia. 
Lo studio, che si sviluppa in 1.800 pagine, è una prima e completa fotografia dello stato della biodiversità mondiale dal 2005, realizzato grazie alla documentazione fornita da 400 esperti mondiali di oltre 50 Paesi.  Riprendendo i dati del Living Planet Report del WWF, pubblicato nel 2018, il report IPBES traccia un quadro allarmante sulla perdita di natura in atto nel nostro Pianeta: l’estinzione delle specie corre infatti a ritmi sempre più veloci. 

Secondo il report IPBES, le azioni dell’uomo hanno alterato in modo significativo la natura in tutto il mondo. Tre quarti dell’ambiente terrestre e circa il 66% dell’ambiente marino sono stati modificati in modo significativo. Più di un terzo della superficie terrestre del mondo e quasi il 75% delle risorse di acqua dolce sono ora destinate alla produzione di colture o bestiame e circa 1 milione di specie animali e vegetali, come non si era mai verificato nella storia dell’umanità, rischiano l’estinzione. Molte potrebbero scomparire fra pochi decenni. 
Il rapporto offre anche uno studio completo dell’interconnessione tra cambiamento climatico e perdita di natura. Fra le principali cause dei mutamenti dell’ecosistema c’è il cambiamento climatico provocato dall’azione umana. 

Le emissioni di gas serra sono raddoppiate, provocando un aumento delle temperature medie globali di un grado 1°C, mentre il livello medio globale del mare è aumentato da 16 a 21 centimetri dal 1900. Questi cambiamenti hanno provocato impatti diffusi in molti aspetti della biodiversità, a cominciare dalla stessa distribuzione delle specie.

Proprio in questi giorni il WWF ha lanciato la campagna SOS Natura d’Italia, per difendere orsi, lupi, lontre, rapaci e altre specie in estinzione attraverso le Oasi: fino al 19 maggio è possibile contribuire con un SMS al 45590 .

“La valutazione globale IPBES dice che la nostra società è in guai seri. Siamo la prima generazione che possiede gli strumenti per vedere come la Terra sia stata cambiata dall’uomo, ma anche l’ultima che può agire contro molti di questi cambiamenti, con azioni coraggiose”, ha detto Guenter Mitlacher, direttore della International Biodiversity Policy, WWF Germany.
Oltre al rapporto di valutazione globale IPBES, quasi 600 esperti di conservazione di tutto il mondo hanno anche sostenuto una Call4Nature per un’azione globale per arrestare il declino della natura. Tra loro c’era la grande scienziata e primatologa Jane Goodall, il conduttore televisivo Chris Packham e l’attrice francese Juliette Binoche. Call4Nature è una lettera aperta avviata dal WWF, che sottolinea l’urgente necessità di un’azione da parte dei leader politici per fermare l’allarmante scomparsa della vita sulla Terra

__________________________________

http://www.nationalgeographic.it/natura/2019/05/07/news/rapporto_onu_un_milione_di_specie_a_rischio_di_estinzione_agire_subito-4397244/

NATIONAL GEOGRAPHIC

Un milione di specie a rischio di estinzione: bisogna agire subito

Lo ribadiscono le Nazioni Unite in un rapporto su scala globale senza precedenti. Se non proteggiamo il pianeta adesso, potrebbe essere troppo tardi anche per la nostra specie

di Stephen Leahy – 7 maggio 2019

Le reti che tengono insieme la natura rischiano di sgretolarsi a causa della deforestazione, la sovrapesca, lo sviluppo intensivo e altre attività umane: è l’avvertimento di un nuovo rapporto delle Nazioni Unite. A causa della pressione umana, un milione di specie potrebbe estinguersi nei prossimi anni, con conseguenze serie per noi e per il resto della vita sul pianeta. “Le prove sono palesi: la natura è in pericolo. Perciò lo siamo anche noi”, dice Sandra Díaz, co-direttrice del Global Assessment Report on Biodiversity and Ecosystem Services. Il 6 maggio a Parigi è stato rilasciato il “Riassunto per Policy Makers”, un documento di 40 pagine che anticipa il report completo (che si pensa supererà le 1.500 pagine).
 Questo report globale è basato sulla revisione di 15.000 fonti scientifiche e governative ed è stato compilato da 145 autori esperti provenienti da 50 paesi. È il primo che in 15 anni ha valutato lo stato di tutta la biodiversità del pianeta. Per la prima volta, il report include conoscenze indigene e locali oltre agli studi scientifici. Gli autori dicono di aver trovato prove schiaccianti che mostrano come le attività umane siano dietro al 

declino della natura. I fattori principali sono la conversione del territorio, compresa la deforestazione; la sovrapesca; la caccia per la bush meat e il bracconaggio; i cambiamenti climatici; l’inquinamento e le specie aliene invasive.
 L’enorme varietà delle specie viventi – almeno 8.7 milioni, ma è possibile siano molte di più – che costituiscono la nostra “rete di salvataggio” ci fornisce cibo, acqua pulita, aria, energia e molto altro, dice Díaz, ecologa alla National University of Cordoba in Argentina. “Non solo la nostra rete di salvataggio sta colando a picco, si sta logorando e cominciano ad apparire dei buchi”.
 
Un mondo di slime?
 In alcune parti dell’oceano, non resta molta vita a parte della melma verde. Alcune foreste tropicali sono pressoché silenziose perché gli insetti sono scomparsi e le praterie stanno trasformandosi in deserti. L’attività umana ha alterato in modi gravi oltre il 75% delle terre emerse, dice il report. E il 66% degli oceani, che coprono gran parte del pianeta, ha sofferto moltissimo l’impatto umano. Questo include l’aver provocato oltre 400 zone morte – dove pochissima vita può sopravvivere – che coprono un’area grande come l’Oregon o il Wyoming [oltre 250.000 chilometri quadrati, ndt].
 Il nuovo report mostra uno “scenario drammatico” della salute degli ecosistemi che si sta deteriorando, commenta Sir Robert Watson, direttore della Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services (IPBES), che ha condotto la valutazione globale. L’IPBES viene spesso descritto come l’equivalente dell’Intergovernmental Panel for Climate Change (IPCC) per la biodiversità e si occupa di valutazioni scientifiche sullo status della vita non-umana che costituisce il sistema di supporto del pianeta.
 “Stiamo erodendo le fondamenta delle nostre economie, di ciò che ci dà lavoro, della sicurezza alimentare, della salute e della qualità di vita in tutto il mondo”, ha dichiarato Watson. “La mia più grande preoccupazione è la condizione degli oceani”, racconta ora a National Geographic. “La plastica, le zone morte, la sovrapesca, l’acidificazione… stiamo devastando gli oceani, alla grande”.
 Salvare più specie
Per proteggere la natura e salvare le specie bisogna garantire la sicurezza del territorio e dell’acqua dei quali piante e animali hanno bisogno per sopravvivere, dice Jonathan Baillie, vice presidente esecutivo e scienziato capo della National Geographic Society. Tutelare metà del pianeta entro il 2050, con un target intermedio del 30% al 2030, è l’unico modo per raggiungere gli obiettivi climatici stabiliti a Parigi o gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, prosegue Baillie.
Foreste, oceani e altre aree naturali assorbono il 60% delle emissioni globali di combustibili fossili ogni anno, dice il report. “Dobbiamo conservare la biosfera per tutelare il clima e aiutare così noi stessi di fronte agli eventi meteo estremi”.
 
Le barriere coralline e le mangrovie proteggono le aree costiere da tempeste e uragani. Le aree umide riducono la portata delle inondazioni assorbendo le piogge più intense. Eppure ognuno di questi ecosistemi ha subito un drammatico declino, con le zone umide ridotte al 15% di ciò che erano 300 anni fa e le barriere coralline che affrontano una crisi di sbiancamento su tutto il pianeta.
 
Sono circa 100 i gruppi in tutto il mondo (compresi la National Geographic Society e la Wyss Campaign for Nature) ad aver appoggiato l’obiettivo di proteggere metà del pianeta entro il 2050. Di recente, 19 degli scienziati più noti a livello mondiale hanno pubblicato uno studio per stabilire un piano provvisorio e scientificamente solido, che stabilisce un primo obiettivo al 2030 (proteggere almeno il 30% del pianeta) nell’ambito del Global Deal for Nature. Il piano proposto non prevede aree “completamente vietate”, ma aree protette dall’estrazione di risorse e dalla conversione del territorio. A parte le zone più sensibili, si legge, in tutte sarà permesso un utilizzo sostenibile.
 
“La comunità internazionale ha il tempo e gli strumenti per tutelare la natura e rallentare l’estinzione di fauna selvatica in corso”, dice in un comunicato Brian O’Donnell, direttore della Wyss Campaign for Nature. La National Geographic Society e la Wyss Campaign for Nature stanno lavorando insieme per promuovere la tutela del 30% del pianeta entro il 2030.
 
Di questo si è parlato durante la settimana di negoziazioni dei paesi membri di IPBES, che hanno discusso i messaggi chiave e le opzioni di policy da pubblicare nel “Riassunto per i policy makers”. Il report completo verrà pubblicato nel corso del 2019. “Il messaggio principale del report è che serve un cambiamento drastico al più presto. Non ci sono altre opzioni”, dice David Obura, biologo marino del Coastal Oceans Research and Development – Indian Ocean di Mombasa, in Kenya. “Per salvare i coralli resta pochissimo tempo. E se possiamo salvare i coralli, possiamo salvare tutto”.
 
Diamo valore alla natura, non alle cose
 
Per riuscire ad avere un pianeta in salute, la società deve spostarsi dall’obiettivo unico di rincorrere la crescita economica, conclude il report. Non sarà facile, aggiunge. Ma potrebbe diventare più semplice se i paesi iniziassero a fondare le proprie economie sulla comprensione della natura come fondamenta dello sviluppo. Spostarsi verso una pianificazione basata sulla natura può fornire una qualità della vita migliore con un impatto molto ridotto.
 
In termini pratici, dice il report, bisogna riformare centinaia di miliardi di dollari in sussidi e incentivi  che attualmente vanno a energia, pesca, agricoltura e selvicoltura. Invece di promuovere un ulteriore sfruttamento delle risorse naturali, quel denaro andrebbe indirizzato a incentivare tutela e ripristino della natura, designando nuove riserve o avviando programmi di riforestazione. “Dobbiamo iniziare a dare valore a cose diverse: la natura, gli ecosistemi, l’equità sociale, non solo aumentare il PIL”, dice Obura.
 
Le altre evidenze raccolte da IPBES mostrano che la natura gestita dalle persone indigene e dalle comunità locali è, generalmente, in condizioni migliori di quella gestita da istituzioni nazionali o aziendali. E questo nonostante le pressioni sempre più intense, dice Joji Cariño, senior policy advisor del Forest Peoples Programme, un’organizzazione che si occupa di diritti umani. Le persone indigene possiedono, gestiscono, usano o occupano almeno un quarto delle terre emerse del pianeta. Eppure, l’ordinamento fondiario e altri diritti non vengono sempre protetti o riconosciuti da tutti i paesi. Così come non lo è la loro profonda conoscenza di quel territorio, o i loro valori che non vengono inclusi nelle policy e nelle decisioni dei governi. Questo deve cambiare, dice il Global Assessment.
 
“Le persone indigene sono partner fondamentali nella trasformazione globale di cui abbiamo bisogno”, dice Cariño. Eppure i paesi ancora stentano a riconoscerlo, aggiunge. Le Filippine sono un esempio: quarant’anni fa, gli indigeni locali sono riusciti a interrompere la costruzione di dighe sul fiume Chico perché erano preoccupati dall’impatto sul territorio. Eppure quelle conservadighe oggi le sta costruendo la Cina, nell’ambito del progetto multi-miliardario Belt and Road.
 
La Cina ha un ruolo importante nelle discussioni globali sulla biodiversità, poiché a fine 2020 ospiterà una cruciale conferenza delle Nazioni Unite chiamata UN Convention on Biological Diversity. Gli scienziati sperano che ne scaturisca un nuovo e ambizioso concordato internazionale per proteggere il pianeta, come è successo a Parigi per il clima. Díaz non sa se ne emergerà qualcosa di così importante come tutelare il 30% del pianeta entro il 2030. “Se fosse facile, sarebbe già successo. Ma le evidenze sono chiare: il futuro non sarà positivo per noi se non agiamo ora. Senza natura, per noi il futuro non c’è”.

Tratto da Ipbes


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *